Category: CORSO OOP CON C++ ITA

Sort: Date | Title | Views | | Comments | Random Sort Ascending
View:

OOP con C++ ITA 16. I template.

23 Views0 Comments

I template permettono di implementare metodi o classi parametrizzate rispetto ad un tipo. Significa che invece di scrivere 4 o 5 overload di metodi o 4 o 5 versioni di classi molto simili che si differenziano solo per...

OOP con C++ ITA 15. Ereditarietà – seconda parte

15 Views0 Comments

Differenziare la classe figlia dalla madre: aggiungere variabili/metodi, ridefinirne altri; specificatore di visibilità protected.

OOP con C++ ITA 14. Ereditarietà – prima parte

4 Views0 Comments

Dopo l'introduzione teorica dello scorso video entriamo nel concreto derivando dalla classe dei dadi 'normali' quella dei dadi truccati :) Utilizzo dei wizard di Code::Blocks per far generare getter, setters, copy co...

OOP con C++ ITA 13. Ereditarietà – introduzione

11 Views0 Comments

Introduzione teorica indispensabile per poter poi esaminare i dettagli sintattici propri del C++

OOP con C++ ITA 12. I trabocchetti dell’operatore di assegnamento

16 Views0 Comments

LINK per scaricare il progetto: www.camuso.it/youtube/incapsulamentoYT01.zip Come nel caso della creazione automatica di oggetti nel di passaggio di parametri per valore anche dietro una innocente istruzione di ass...

OOP con C++ ITA 11. Copy constructors – seconda parte

19 Views0 Comments

LINK per scaricare il progetto: www.camuso.it/youtube/incapsulamentoYT01.zip Capita la natura del problema (che può causare effetti devastanti su un applicativo) la soluzione è quella di non affidarsi al copy const...

OOP con C++ ITA 10. Copy constructors – prima parte

6 Views0 Comments

LINK per scaricare il progetto: www.camuso.it/youtube/incapsulamentoYT01.zip C'è un terzo tipo 'speciale' di metodo, dopo costruttori di default e distruttori di default, per cui il compilatore si attiva in automat...

OOP con C++ ITA 9. Liste di inizializzazione.

15 Views0 Comments

Aggiustiamo prima il tiro su un trabocchetto presente, BEN NASCOSTO, nel codice della volta scorsa: non a caso il C++ si è guadagnato la fama di linguaggio 'difficile'! L'argomento vero della lezione sono invece le...

OOP con C++ ITA 8. Distruttori.

6 Views0 Comments

Complementari ai costruttori questi metodi sono altrettanto importanti per una corretta dismissione di un oggetto prima della sua eliminazione fisica. LEGAL Il video contiene solo la registrazione con il mio comme...

OOP con C++ ITA 7. Oggetti creati sullo stack o sullo heap; new e puntatori ad oggetti.

22 Views0 Comments

Ci sono meccanismi che se non compresi appieno ed a fondo minerebbero alla base la qualità del vostro codice C++. Uno di questi è capire la differenza tra la definizione di un oggetto che viene allocato sullo stack ed...

OOP con C++ ITA 6. Classi: i costruttori di default in dettaglio

9 Views0 Comments

Chiarito il piccolo mistero di come si possa inizializzare a zero una variabile statica si ritorna sull'importantissimo tema 'costruttori'. Iniziamo con quello di default: perchè è così importante che ci sia? Vett...

OOP con C++ ITA 5. Classi: membri statici (static members)

5 Views0 Comments

Vediamo come sia possibile definire membri di classe cioè non appartenenti allo stato interno di alcuna istanza di una classe ma delle aree *condivis* tra tutti le istanze che verranno create di una certa classe.

Pagina 1 di 212

Di più su CORSO OOP CON C++ ITA

Qua e là nelle mie playlist dedicate al C++ ho avuto modo di accennare all’argomento. Ma mai con il dettaglio che avrei voluto e non con un ambiente ‘console’ come DevC++ o CodeBlocks; l’ho fatto con Visual Studio ma rapidamente ci si è poi addentrati nelle complicazioni miste con il .NET che costringe ad un approccio fuori standard: commistione tra i cosiddetti elementi gestiti (.NET) e quelli non gestiti. Questa playlist vuole colmare la lacuna ed è propedeutica alla fruizione di librerie e framework molto validi ma nella loro natura fortemente rivolti alla OOP. Logicamente va collocata ‘dopo’ quella sul C++ ma di quest’ultima è necessario aver visto solo una parte: struture di controllo fondamentali (selezione, cicli), vettori, funzioni e (anche se non da subito) i concetti di base dell’uso della memoria dinamica (i puntatori ed in particolare quelli a struct).