Category: SQL

Sort: Date | Title | Views | | Comments | Random Sort Ascending
View:

Corso SQL ITA 21: stored procedures / 3 – parametri di input (MySQL)

11 Views0 Comments

Creiamo stored procedures che ricevono dall'esterno valori da usare nel codice SQL in modo da parametrizzare i comandi. Iniziamo con MySQL vedendo anche come definire variabili di lavoro che mantengono il loro val...

Corso SQL ITA 20: stored procedures – 2

6 Views0 Comments

Creare e usare una semplice stored procedure con MySQL e SqlServer. LEGAL Il video contiene solo la registrazione con il mio commento audio (senza altri video, immagini o audio) di una sessione di lavoro con soft...

Corso SQL ITA 19: stored procedures – 1

20 Views0 Comments

Le stored procedures non solo complementano le views ma ne superano alcuni limiti. In questo video: cosa sono e quali vantaggi comportano. Ne approfitto anche per spiegare con un esempio cosa sia la tecnica 'SQL injec...

Corso SQL ITA 18: le views (viste) – 3

5 Views0 Comments

Uso delle query annidate con le viste: quali i limiti? Ed in generale quali altri limiti? E sono gli stessi cambiando DBMS? In ogni caso le viste portano grandi vantaggi: ed è con una discussione di questi che complet...

Corso SQL ITA 17: le views (viste) – 2

7 Views0 Comments

Fino a che punto una vista può essere considerata equivalente ad una tabella fisica? Si possono costruire query meno che banali (order by, group by)? E si possono modificare o eliminare dati tramite una vista e se sì ...

Corso SQL ITA 16: le views (viste) – parte prima

11 Views0 Comments

I data base professionali fanno un uso esteso di questa caratteristica; scopriamo insieme il perchè: cos'è una vista, come si crea e come si usa. LEGAL Il video contiene solo la registrazione con il mio commento...

Corso SQL ITA 15: outer join (join esterne)

9 Views0 Comments

Da che mondo è mondo una join restituisce un risultato quando c'è un legame tra una riga di una tabella ed una riga di un'altra. Ma potrebbe interessare sapere quali sono invece le righe 'isolate'? Certo! Corrisponder...

Corso SQL ITA 14: theta join

8 Views0 Comments

Si conclude l'argomento relativo alle inner join con le theta che rispetto vostre conoscenze apporta veramente qualche cosa di nuovo e decisamente utile. Si parte da un piccolo caso di studio che farà apprezzare quest...

Corso SQL ITA 13: inner join, natural join ed equi join

31 Views0 Comments

Forse vi sorprenderà sapere che le Join (congiunzioni) tra tabelle che normalmene usate sono solo un caso particolare di un universo molto più ampio. Iniziamo qui ad esplorarlo facendo il punto su ciò che già conoscet...

Corso SQL ITA 12 Select annidate con any, in, all, exists; self join

16 Views0 Comments

Select annidate con uso degli operatori in, all, exists. Self join o join ricorsive (query su una tabella congiunta con sè stessa).

Corso SQL ITA 11: group by e having, select annidate (subquery)

47 Views0 Comments

Group by: clausola having; quando usare having e quando usare where con una group by. Esempi con group by. Le select nidificate (o sotto select o annidate); select annidate con uso dell'operatore any.

Corso SQL ITA 10 join molti a molti ed a N tabelle. Group by

16 Views0 Comments

Join tra tabelle legate da una associazioni molti a molti (uso della tabella intermedia). Join tra N tabelle.Il group by.

Pagina 1 di 212

Di più su SQL

In informatica SQL (Structured Query Language) è un linguaggio standardizzato per database basati sul modello relazionale (RDBMS) progettato per:

  • creare e modificare schemi di database (DDL – Data Definition Language);
  • inserire, modificare e gestire dati memorizzati (DML – Data Manipulation Language);
  • interrogare i dati memorizzati (DQL – Data Query Language);
  • creare e gestire strumenti di controllo ed accesso ai dati (DCL – Data Control Language).

Nonostante il nome, non si tratta dunque solo di un semplice linguaggio di interrogazione, ma alcuni suoi sottoinsiemi si occupano della creazione, della gestione e dell’amministrazione del database.


Caratteristiche

SQL è un linguaggio per interrogare e gestire basi di dati mediante l’utilizzo di costrutti di programmazione denominati query. Con SQL si leggono, modificano, cancellano dati e si esercitano funzioni gestionali ed amministrative sul sistema dei database. La maggior parte delle implementazioni dispongono di interfaccia alla riga di comando per l’esecuzione diretta di comandi, in alternativa alla sola interfaccia grafica GUI.

Originariamente progettato come linguaggio di tipo dichiarativo, si è successivamente evoluto con l’introduzione di costrutti procedurali, istruzioni per il controllo di flusso, tipi di dati definiti dall’utente e varie altre estensioni del linguaggio. A partire dalla definizione dello standard SQL:1999 molte di queste estensioni sono state formalmente adottate come parte integrante di SQL nella sezione SQL/PSM dello standard.

Alcune delle critiche più frequenti rivolte ad SQL riguardano la mancanza di portabilità del codice fra vendor diversi, il modo inappropriato con cui vengono trattati i dati mancanti (Null), e la semantica a volte inutilmente complicata.

Struttura

Essendo un linguaggio dichiarativo, SQL non richiede la stesura di sequenze di operazioni (come ad es. i Linguaggi imperativi), piuttosto di specificare le proprietà logiche delle informazioni ricercate. Esso si divide in:

  • Data Definition Language (DDL) – permette di creare e cancellare database o di modificarne la struttura
  • Data Manipulation Language (DML) – permette di inserire, cancellare, modificare i dati
  • Data Control Language (DCL) – permette di gestire gli utenti e i permessi
  • Query language (QL) – permette di interrogare il database, cioè di leggere i dati.
  • Device Media Control Language (DMCL) – permette di controllare i supporti (memorie di massa) dove vengono memorizzati i dati.

cit. Wikipedia Structured Query Language